My default image
CHI SIAMO NEWS DOVE SIAMO AREE DI CURA INFORMAZIONI PIANI CLINICA CONVENZIONI CONTATTI
TARANTO meteo
Casa di Cura Villa Verde Franco Ausiello S.r.l.
- via Golfo di Taranto, 22 -74121 TARANTO
- P.IVA 00943900738 - R.E.A. 84391
- Cap. Sociale € 2.200.000,00 i.v.a
PEC
Responsabile Protezione Dati Pec
Responsabile Protezione Dati Mail
Organismo di Vigilanza Pec
Organismo di Vigilanza Mail
SERVIZI

Emodinamica

  • EQUIPE

    Dott. Luigi My

    Specializzazione in Cardiologia

    Dott. Vincenzo Cucci

    Specializzazione in Cardiologia

    Dott. Piermichele Grassi

    Specializzazione in Cardiologia

    Dott. Arturo Ausiello

    Specializzazione in Cardiologia

  • INFORMAZIONI

    DOVE:
    PIANO TERRA - ALA C
    TELEFONO:
    099.7727625 Sala Medici
    099.7727630 Sala 1
    099.7727631 Sala 2
    COMUNICAZIONI:
  • DESCRIZIONE

    Il Servizio è certificato UNI EN ISO 9001; Ente Certificatore CSQ, certificato n. 9122.CCVV. Esso è aggregato alla U.O. di Cardiologia e prevede l’esecuzione di Coronarografia, Ventricolografia, Angiografia diagnostica (procedure che consentono la visualizzazione delle arterie attraverso l’opacizzazione dei vasi arteriosi mediante mezzo di contrasto), e – quale procedura interventistica – l’Angioplastica coronarica e arteriosa (consiste nel dilatare i restringimenti delle arterie coronarie o di altri segmenti arteriosi mediante cateteri a palloncino). Il Servizio diagnostico è attivo dal 2000 e nel 2002 sono state attivate le procedure interventistiche. A partire dal 18 aprile 2005 il Servizio è stato inserito nella rete territoriale dell’emergenza cardiologica per la cardiopatia ischemica (Protocollo di intesa con Regione Puglia, Assessorato Sanità, ARES, ASL TA/1, Servizio 118). Tale Servizio prevede pertanto la pronta disponibilità 24 ore su 24 e per tutto l’anno di personale medico, infermieristico e tecnico per l’esecuzione di angioplastiche primarie in caso di infarto del miocardio, e sindrome coronarica acuta nonché la disponibilità dello Stand-by Cardiochirurgico continuo. Dal febbraio 2007 è operativa una seconda sala di Emodinamica.

  • INTERVENTI

    Gli interventi eseguiti sono i seguenti
    Cardiologia interventistica coronarica
    . Coronarografie
    .Angioplastica coronarica
    . Angioplastica Primaria ( servizio 24h su 24 7 gg / 7)
    .Angioplastia coronarica complessa: aterectomia rotazionale

    Diagnostica intracoranarica:
    . Fractional Flow Reserve o Pressure Wire
    .Intravascular Ultrasound (IVUS)
    . Optic Choerence Thomography

    Interventistica Endovascolare
    . Angiografia dei TSA e dei vasi periferici
    . Angioplastica dei TSA
    . Angioplastica Carotidea
    . Angioplastica degli arti inferiori e delle arterie RENALI

    Cardiologia interventistica strutturale
    . TAVI
    . Chiusura PFO/DIA, Dotto di Botallo


  • DETTAGLI OPERATIVI

    Coronarografia: si tratta dell’angiografia delle arterie coronarie e viene effettuata tramite utilizzo di appositi cateteri che vengono inseriti, attraverso diverse vie di accesso, tra le quali le più comuni sono l'arteria femorale e le arterie radiali. L'accesso arterioso radiale consente peraltro di effettuare la coronarografia in regime di “Day Hospital” ovvero senza necessità per il paziente di trascorrere la notte in ospedale. Una volta inseriti, tali cateteri vengono fatti risalire nell'aorta fino a raggiungere il cuore. Per acquisire le immagini delle arterie coronarie viene utilizzato un liquido chiamato mezzo di contrasto che “opacizza” il lume delle arterie. Le immagini vengono acquisite da un macchinario che emette una debole radiazione e lo stesso macchinario è in grado di registrare le immagini.
    L'angioplastica coronarica e lo stent: si tratta del più comune trattamento attualmente utilizzato per curare l'aterosclerosi coronarica. È una metodica che ha già compiuto 30 anni. Si avvale dell'utilizzo di molteplici strumenti appositamente ideati e realizzati e può essere effettuata subito dopo la coronarografia, utilizzando la stessa via di accesso arterioso. Solitamente, in assenza di eventuali complicanze, il paziente sottoposto ad angioplastica coronarica può essere dimesso il giorno successivo alla procedura. Lo stent coronarico (“bare metal stent” o “drug eluting stent”) è un dispositivo che viene utilizzato di solito dopo la dilatazione dell'arteria coronarica con il palloncino. Non è suscettibile di fenomeni di rigetto in quanto costruito con materiali biocompatibili. Lo scopo dello stent è quello di ridurre la possibilità che la coronaria si ostruisca di nuovo dopo la angioplastica semplice.
    “Fractional Flow Reserve” o “Pressure Wire”: si tratta di una metodica accessoria alla angioplastica/stent coronarico che, attraverso l'utilizzo di appositi sensori in grado di calcolare la pressione sanguigna all'interno delle arterie coronariche, supporta l'operatore nella selezione delle stenosi coronariche che risultano di dubbia interpretazione sulla sola base della coronarografia.
    “Intravascular Ultrasound” o “IVUS”: si tratta di una metodica che utilizza ultrasuoni e consente di visualizzare le arterie coronariche dall'interno. Ha lo scopo di fornire indicazioni anatomiche accurate all'operatore e come tale è una metodica accessoria della angioplastica/stent. Angioplastica carotidea: si tratta del trattamento percutaneo, attraverso l'arteria femorale, della aterosclerosi delle arterie carotidi. Ha lo scopo di ridurre il rischio di ictus cerebri. Si avvale di strumenti e dispositivi appositi ed è una metodica largamente utilizzata con ottimi risultati. Aterectomia rotazionale (Rotablator): si tratta di una metodica accessoria alla angioplastica coronarica che trova indicazione in quei pazienti che presentano aterosclerosi coronarica severamente calcifica.
    Valvuloplastica aortica/mitralica: si tratta di un intervento finalizzato al trattamento di una condizione di stenosi valvolare (aortica o mitralica) grave. Viene effettuata per via percutanea, attraverso l'arteria femorale (valvuloplastica aortica) o vena femorale (valvuloplasitca mitralica). Tale procedura è prevista per particolari indicazioni, in pazienti non idonei alla chirurgia tradizionale.
    CoreValve: si tratta di una protesi valvolare aortica che viene impiantata, per via percutanea attraverso la arteria femorale o la arteria succlavia, in pazienti che sono affetti da stenosi valvolare aortica severa ma che non possono essere sottoposti ad intervento chirurgico perchè ad alto rischio.
    Angioplastica delle arterie degli arti inferiori: Si tratta di una metodica percutanea, che utilizza come accesso arterioso le arterie femorali, per il trattamento della aterosclerosi delle arterie degli arti inferiori. Utilizza dispositivi appositi ed è molto efficace nel curare i problemi quali il dolore ai muscoli delle gambe durante la deambulazione, la distrofia cutanea, ulcere malleolari e del piede. Angioplastica/stent delle arterie renali: si tratta di una metodica per il trattamento della aterosclerosi delle arterie renali, nell'ambito della terapia della ipertensione nefrovascolare. Si effettua attraverso le arterie femorali mediante dispositivi.
    Chiusura di PFO/DIA, Dotto di Botallo: si tratta di una procedura percutanea che attraverso le vene femorali e tramite l'utilizzo di strumenti appositi ha lo scopo di sigillare la comunicazione anomala tra i due atri e di ridurre il rischio di incidenti cerebrovascolari

Rubrica Interna


CLICCA SUL NUMERO E CHIAMA!